EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

Interventi

L'Oesteria Carlo e Tina di Maggiora (NO) è stata ruiqualificata acusticamente con il sughero espanso DECORK


Dati intervento
LocalitàMaggiora (NO)
ProgettoArch. Francesca Garagnani
Materiale utilizzatoPannelli DECORK Mod. Wave S1
Anno2018
Ultimi interventi
Iscriviti alla newsletter Iscriviti ai nostri workshop

,

Carlo e Tina Osteria | NO

Un giovane architetto e uno storico ristorante da riqualificare con attenzione allo stile e al comfort acustico hanno portato alla scelta del pannello decorativo DECORK Wave S1
L'Oesteria Carlo e Tina di Maggiora (NO) è stata ruiqualificata acusticamente con il sughero espanso DECORK
Dati intervento
LocalitàMaggiora (NO)
ProgettoArch. Francesca Garagnani
Materiale utilizzatoPannelli DECORK Mod. Wave S1
Anno2018

L’edificio, sapientemente ristrutturato dall’Arch Rino Cimmino nell’anno 2000, ha subito nel corso degli anni diverse modifiche, principalmente dovute al susseguirsi di vari locatari.

I committenti, due giovani Chef, spinti dal sogno di aprire un ristorante nel quale coltivare la passione per una cucina contemporanea ma fortemente legata al territorio ed alle sue tradizioni, hanno trovato in questa casa a corte il luogo ideale.

Gli ambienti dell’osteria dovevano rispecchiare l’idea di cucina, il progetto è stato quindi improntato sulla semplicità, l’eleganza, l’uso di materiali naturali, mantenendo come filo conduttore uno sguardo al passato avvalendosi però della tecnologia contemporanea.

Al fine di contenere i tempi di realizzazione, si è scelto di non effettuare opere di muratura, ma di sfruttare ogni situazione come risorsa.

Il sughero

Sia le sale al piano terra che la grande sala al piano primo presentavano un forte problema di acustica, il rimbombo infatti risultava molto accentuato. Questo “difetto” ha determinato la necessità di migliorare il comfort acustico, da qui la scelta di utilizzare dei pannelli fonoassorbenti in sughero tipo Wave S1 (DECORK), che con il loro colore scuro ed il loro disegno caratterizzano ogni sala dell’Osteria.

Il pannello è stato applicato in alcune aree delle sale dell’osteria sia a parete che a soffitto, determinando delle quinte scenografiche, grazie anche all’illuminazione a LED che “bagna” le pareti in sughero.

La luce

Un’altra importante riflessione è stata fatta sulla luce: le applique a muro hanno lasciato spazio a lampade a sospensione capaci di portare la luce sui piatti, che sono i veri protagonisti della scena!

In modo particolare, la necessità di spostare e allungare i tavoli ha determinato la realizzazione di un binario in cui le lampade a sospensione possono, all’occorrenza, scorrere.

In ogni sala si percepisce la volontà di ricreare un ambiente caldo, confortevole e domestico. Grande attenzione è stata posta agli arredi che caratterizzano la prima sala, quella dell’accoglienza, in cui si trovano una libreria con i grandi volumi di cucina e dei ripiani dedicati alle bottiglie di amari, un salottino, un guardaroba ed uno scrittoio. Ogni singolo elemento è stato disegnato per realizzare un insieme, per determinare una composizione geometrica e razionale, ma allo stesso tempo calda ed accogliente, capace di caratterizzare lo spazio e dare una forte identità all’Osteria.

 

Progetto, foto e testi, sono stati realizzati dall’Architetto Francesca Garagnani.

Gallery
Ultimi interventi

Iscriviti alla Newsletter!

Iscrivendoti alla Newsletter Tecnosugheri potrai ricevere le nostre Bionews e sarai sempre aggiornato sulle novità del mondo del sughero.

Iscriviti!